- IOANNES PAVLO SECVNDVS -

- UNO SPIRITO ANTICRISTO -

- I PATTI LATERANENSI - I SETTE RE E L'OTTAVO -

"Vidi salire dal mare un BESTIA che aveva dieci corna e

SETTE TESTE

sulle corna dieci diademi e su CIASCUNA TESTA un TITOLO BLASFEMO"

- Apocalisse 13:1 -

In Apocalisse Giovanni descrive  una BESTIA grottesca che sale dal mare, con SETTE TESTE e dieci corna.

La parola "BESTIA" viene utilizzata molte volte nella Bibbia per indicare degli IMPERI e

 i CAPI-IMPERATORI (le TESTE) di questi regni.

Questa VISIONE non deve restare un mistero:

"Io ti SPIEGHERO' il mistero della donna e della BESTIA che la porta,

con SETTE TESTE e dieci corna"

- Apocalisse 17, 7 -

L'angelo SPIEGA chiaramente ogni cosa:

"Qui ci vuole una mente che abbia saggezza.

 Le SETTE TESTE sono i SETTE COLLI sui quali è seduta la donna;

e sono anche SETTE RE"

- Apocalisse 17, 9 -

Le SETTE TESTE sono chiaramente SETTE RE, si tratta dunque di persone REALI, non di simboli.

Dove agiscono questi RE? Sopra QUALE IMPERO?

Apocalisse offre informazioni IMPORTANTISSIME e molto chiare:

"Le SETTE TESTE sono i SETTE COLLI sui quali è seduta la donna e

 sono anche SETTE RE"

Le sette teste sono dunque associate chiaramente a "SETTE COLLI".

Conosciamo persino il COLORE di questa BESTIA spaventosa:

"là vidi una DONNA seduta sopra una BESTIA SCARLATTA,

con SETTE TESTE e DIECI CORNA"

- Apocalisse 17:3 -

Nella Bibbia il SETTE è anche un numero che denota la TOTALITA', la completezza.

Da Apocalisse sappiamo anche che le TESTE della BESTIA portano tutte un "TITOLO BLASFEMO".

"su CIASCUNA TESTA un TITOLO BLASFEMO"

La STORIA ci dice che dalla BESTIA spaventosa dell'IMPERO ROMANO,

 nel territorio dell'IMPERO ROMANO è

sorto un POTERE completamente nuovo e molto DIVERSO DAI PRECEDENTI,

(è il "PICCOLO CORNO" che "parla con ALTERIGIA" visto anche dal profeta Daniele...)

IL "PAPATO".

"PAPATO: Nella Chiesa cattolica, SUPREMA ISTITUZIONE che

esercita le funzioni di GOVERNO, DOTTRINA e CULTO"

Il TITOL PAGANO dell'IMPERATORE DI ROMA venne consegnato direttamente al "PAPA", il nuovo

"PONTIFEX MAXIMVS".

Queste non sono fantasie, sono REALTA' STORICHE che possono essere VERIFICATE da tutti.

Il POTERE aveva semplicemente MUTATO ASPETTO, era passato dalla

BESTIA PAGANA IMPERIALE alla BESTIA PAGANA "PAPALE".

Il Concilio ecumenico vaticano I (1870) ha riconosciuto al "PAPA"

"l'infallibilità in materia di fede e di morale".

Il "PAPA" diventò "COLUI che TUTTO SORVEGLIA", il grande "SUPERVISORE dei SUPERVISORI",

l"EPISCOPVS EPISCOPORVM".

- LA FERITA -

VIGILIVS salì sul "TRONO PAPALE" nel 538 D.C. con un pieno accordo tra STATO E CHIESA,

sotto la PROTEZIONE MILITARE di BELISARIO (Storia della Chiesa cristiana, vol. 3, pag. 327),

su decreto dell'IMPERATORE GIUSTINIANO.

Le prove storiche rivelano che nel 533 d.C. l'imperatore romano Giustiniano riconobbe

la supremazia ecclesiastica del "papa" come “capo assoluto” di tutte le chiese sia dell'Impero

romano d'Occidente che d'Oriente.

Nel 538 d.C. il "papato" si libera dal suo ultimo oppositore ariano,

gli Ostrogoti (che a quel tempo dominavano l'Italia) ed emerge prepotentemente

come UNICA FIGURA GUIDA dell'Occidente.

Il "papato" accrebbe il proprio potere e soggiogò non soltanto i

propri seguaci ma anche i governanti e i re d'Europa.

A tale scopo, i "papi" emisero diverse bolle papali per vantare la propria autorità sui re d'Europa.

MILIONI di persone vennero STERMINATE da questo POTERE BESTIALE,

molte delle quali colpevoli soltanto di non aver riconosciuto il "papa".

Se AGGIUNGIAMO

1.260 ANNI

alla data del 538 arriviamo precisamente al 1.798. ( 538+1260= 1978)

"Nel 1.798 il generale Berthier ha fatto il suo ingresso in Roma,

HA ABOLITO IL GOVERNO PONTIFICIO e

ha stabilito un governo laico"

- (Encyclopedia Britannica, edizione 1941) -

"Papa" Pio VI viene fatto prigioniero in Francia, alla mercé di Napoleone.

Il potere dell'IMPERO "PAPALE" riceve dunque una ferita mortale e perde il suo grande potere.

- LA FERITA MORTALE E' GUARITA -

- I PATTI LATERANENSI -

L'UNDICI FEBBRAIO 1.929

viene concordato il "PATTO ROMANO" e

si firmano i TRATTATI LATERANI tra STATO e "PAPATO"

(nella stessa data, nel 2013, Ratzinger presenterà le sue DIMISSIONI).

La FERITA MORTALE E' STATA GUARITA e i giornali di tutto il mondo celebrano il grande "evento".

Al nuovo Stato denominato venne concessa l'esenzione dalle tasse e dai dazi

sulle merci importate ed il risarcimento per i presunti "danni finanziari subiti dallo Stato pontificio"

in seguito alla fine del potere temporale.

Il mondo cattolico-romano è in festa.

Il GRANDE PATTO non venne firmato in VATICANO ma nel palazzo di

"San Giovanni in Laterano", i "TRATTATI LATERANENSI".

Gli accordi furono negoziati tra il cardinale Segretario di Stato Pietro Gasparri per conto della "Santa Sede" e

il primo ministro Benito Mussolini per conto del Regno d'Italia.

Il 13 febbraio 1929, Pio XI, tenne un discorso a Milano ad un'udienza concessa a professori e

studenti dell' Università cattolica del "sacro cuore", che passò alla storia per un passaggio in cui il DITTATORE

Benito Mussolini

è indicato come

"l'uomo che la Provvidenza ci ha fatto incontrare".

Sotto: Mussolini e croce dello SMOM:

La provvidenza dell'INFERNO.

- ACHILLE AMBROGIO DAMIANO RATTI -

- PIO XI -

Sulla BARA di RATTI molte persone notarono un SIMBOLO molto particolare:

IL TESCHIO e le OSSA.

Il teschio e le ossa, sono il simbolo di una delle più potenti e occulte

SOCIETA' SEGRETE INIZIATICHE, la SKULL & BONES

(questo simbolo è comunque molto usato anche dai GESUITI).

Personaggi politici come KERRY o BUSH sono stati INIZIATI in questo ORDINE.

Sotto: H.W. Bush, uno dei membri della SKULL & BONES:

La società Skull and Bones è fondata nel 1832 da William Huntington Russell.

Il simbolismo della SKULL & BONES è

strettamente legato alla "morte e resurrezione" di OSIRIS, nel RITO DI ISIS.

Ritroveremo lo stesso simbolo nel triplice sarcofago di Wojtyla:

- IL CAMAURO -

(-SIMBOLISMO MITRAICO-)

- IL PATTO COL DIAVOLO E I SETTE RE DI ROMA -

La data stabilita per la FIRMA DEI TRATTATI, non è certo casuale.

IL PATTO VIENE FIRMATO IN ONORE ALLA "REGINA DEI CIELI".

L'UNDICI FEBBRAIO 1.929 è infatti l'ANNIVERSARIO delle

"APPARIZIONI" DELLA SIGNORA DI LOURDES",

- 11 FEBBRAIO 1.858 -

(mi rifiuto di scrivere "nostra" perché io ho un Solo Dio e UN SOLO SIGNORE, Gesù Cristo).



Achille Ambrogio Damiano Ratti è un "papa" totalmente devoto a questa "REGINA DEI CIELI" e

la scelta della DATA è dettata proprio da questa sua disposizione personale.



I Patti Lateranensi riconoscevano

l'indipendenza e la SOVRANITA' della "santa sede" e FONDAVANO lo

STATO DELLA CITTA' DEL VATICANO.

E' APPENA NATO un NUOVO STATO.

La GRANDE PROSTITUTA ha iniziato la sua corsa alla ROVINA.

A ROMA e' ufficialmente INIZIATA una"NUOVA ERA MONARCHICA" e

 i giornali sottolineano l'evento in ogni modo.

I "PAPI" che saranno INCORONATI ed ELETTI

 DOPO QUESTA DATA

saranno dunque, a tutti gli effetti,

dei RE-MONARCHI,

 che governano con pieno potere sopra la

CITTA' STATO DEL VATICANO

(anche se il REGNO effettivo si estende certamente oltre questo piccolo territorio...).

La ferita di Roma era stata sanata ed il "papato" ritrovava ancora una volta la sua forza ed il suo potere.

Il nuovo "stato" era pronto ad accogliere i suoi NUOVI RE.

La REGALITA' è notoriamente associata all'atto della CORONAZIONE, all'INTRONIZZAZIONE.

"L'INCORONAZIONE è una cerimonia che segna l'ELEZIONE,

l'INVESTITURA DI UN MONARCA e l'attribuzione del POTERE REGALE,

attraverso l'imposizione sul suo capo di una CORONA, unitamente ad altri atti simbolici"

Il "papa" è infatti RE-PONTEFICE sul suo stato, come tale è

 CORONATO con la TRIPLICE TIARA e con la MITRA (derivante dall'Egitto e dai culti misterici di MITHRA),

in totale disprezzo delle parole del Vangelo e degli insegnamenti del MAESTRO.

Nella chiesa cattolica romana questi riti solenni e troppo visibili sono stati gradualmente abbandonati ma

non è mai cambiata la SOSTANZA.

Il GRANDE PATTO E' STATO FIRMATO.

 La "NUOVA ERA" inizia e i portatori di MITRA si susseguono.


- EUGENIO MARIA GIUSEPPE GIOVANNI PACELLI -

- PIO XII -


(1939-1958)

Eugenio è il PRIMO "PAPA" ad essere INTRONIZZATO e CORONATO

DOPO la firma dei TRATTATI LATERANI.


E' un "PAPA" totalmente devoto alla "REGINA DEI CIELI".

Nel 1940 riconosce definitivamente le apparizioni di Fatima e

consacra il mondo intero (1942) al

"cuore Immacolato di Maria".

il FARAONE...

Il "PAPATO" afferma da sempre di essere "successore di Pietro"

"Mentre Pietro stava per entrare, Cornelio andandogli incontro

 si gettò ai suoi piedi per ADORARLO.

MA PIETRO LO RIALZO', dicendo:

«ALZATI, ANCH'IO SONO UN UOMO!"

Le EVIDENZE mostrano invece  una realtà grottesca, COMPLETAMENTE OPPOSTA:

- RITI E IMBALSAMAZIONI -

- L'ORRORE DELLA CONSERVAZIONE DEI CADAVERI -

La CONSERVAZIONE DEI CADAVERI E LA MUMMIFICAZIONE

sono arti misteriche pagane e antichissime.

Questa arte era importantissima nell'antico Egitto, sopratutto per i FARAONI,

considerati come "IL GRANDE PADRE OSIRIDE in terra", incarnazioni del "dio sole".

"il simbolo PX è il SIGILLO PERSONALE del DIO OSIRIDE"

- Albert G. Mackey, Manual of the Lodge (New York, Charles E. Merril Company, 1870) -

- IL CULTO DEI MORTI -

Il VATICANO non è secondo a nessuno in quanto a ORRORI di questo tipo e pratiche oscene.

L'idea di "CONSERVARE I CORPI" per mostrarli "INCORROTTI" è SEMPRE STATA un'ossessione

per l'ISTITUZIONE CATTOLICO-ROMANA.

Il "corpo incorrotto" è infatti sempre stato considerato ed esibito pubblicamente

come una "dimostrazione di santità" (!!!).

Questi fantomatici "CORPI INCORROTTI" non sono altro che dei CORPI IMBALSATI o dei 

VERI E PROPRI MANICHINI, creati appositamente per essere esposti alla VENERAZIONE degli IDOLATRI

(basta ricordare il corpo abilmente IMBALSAMATO e modellato in CERA della "santa" Labouré o la

TESTA IN SILICONE realizzata per il cadavere di "padre pio", Francesco Forgione...)

QUESTE SONO VERE E PROPRIE ABOMINAZIONI.

Ci troviamo PALESEMENTE nel PURO PAGANESIMO e in APERTA SFIDA alla Parola di Dio.

"polvere sei e polvere ritornerai"

- LA MORTE DI PIO XII -

L'esposizione del cadavere di Pio XII è ricordata da TUTTI i testimoni come uno scandalo,

uno spettacolo dell'ORRORE.

Pio XII è agonizzante a Castel Gandolfo.

Il volto del "PAPA" appena defunto diventa rapidamente spettrale.

Il volto è completamente ricomposto e il corpo vestito in abiti da coro.

Sotto: Il "PAPA" nella Sala degli Svizzeri a Castel Gandolfo è stato appena rivestito con abiti pontificali.

E' stato “imbalsamato” con un metodo "innovativo" di Galeazzi Lisi,

occulista archiatra, che, sostenne di aver ricevuto l'autorizzazione del "PAPA" a

sperimentare l'invenzione conservativa sul suo cadavere.

Il “geniale” procedimento del medico consisteva nell’

AVVOLGERE IL CORPO DENTRO UNA SERIE DI STRATI DI CELLOPHANE,

 insieme a erbe e prodotti naturali.

Così, invece di cercare di tenerlo fresco, Lisi innalzò oscenamente  la temperatura del cadavere, accelerando

irreversibilmente il processo di putrefazione grazie a questo impacco di nylon.

Risultato di questa follia:

Appena fu vestito ed esposto nella Sala degli Svizzeri, a Castel Gandolfo,

il volto di Pio XII si ricoprì di migliaia di piccole rughe. Nessuno vi fece caso sul momento ma da lì a pochi minuti

si assistette nell'arco di pochi minuti alla più veloce e

ributtante decomposizione in presa diretta che la storia della medicina legale ricordi.

 “È iniziato un furioso succedersi di fenomeni cadaverici trasformativi:

è la decomposizione in diretta sotto gli occhi inorriditi degli astanti,

 in seguito all’aberrante “imbalsamazione”

 brevettata e praticata dall’archiatra Galeazzi Lisi. Il cadavere del papa si è

 gonfiato nella zona del ventre in seguito ai gas putrefattivi che son venutisi creando da subito;

per la stessa ragione è diventato grigio in viso, e dagli orifizi, specie dalla bocca,

versa liquame scuro che gli scorre lungo il volto e si deposita nelle orbite degli occhi.

È visibile sul volto delle guardie nobili l’enorme sforzo di resistere all’odore nauseabondo che

 esala dal cadavere del Papa: l’alternarsi dei turni di guardia saranno da

questo momento sempre più frequenti,

per evitare una eccessiva esposizione ai gas mefitici, e perché molte guardie nobili regolarmente

svengono sfinite da quell’odore di morte. Ma il peggio deve ancora venire”.

-  il dottor Antonio Margheriti -

Tutto questo ricorda non poco il "RACCONTO DEL SIGNOR VALDEMAR" di Edgar Allan Poe.

Nel racconto viene descritto il

TENTATIVO DI MESMERIZZARE UN UOMO IN PUNTO DI MORTE.

Valdemar, ipnotizzato, rimane in uno STATO SOSPESO,

non é completamente morto ma non è più vivo. Si trova in un limbo, un'abisso.

Valdemar si sveglierà dalla morte ma per distruggersi rapidamente,

in un processo di putrefazione velocissimo e orribile.

Il racconto dell'orrore non è terminato perchè l'ostinazione della "SANTA SEDE"

all'ostentazione e alla CONSERVAZIONE dei cadaveri non conosce limiti.

La salma GONFIA e DISFATTA è trasportato in San Pietro ed ESPOSTA su un'alto

catafalco davanti la Confessione, sotto il baldacchino del Bernini.

Il rito degli INSENSATI non si ferma, il VATICANO non rinuncia alla sua follia,

 lo "spettacolo" DEVE continuare.

E' stato ritenuto da molti che questa foto (sopra) fosse del corpulento Giovani XXIII.

In realtà si tratta del segaligno Pio XII, il cui corpo si è gonfiato all'inverosimile,

afflitto da fenomeni quali il “gigantismo cadaverico”.

"IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE" scriveva il dottore  Margheriti, aveva ragione:

Durante il trasporto dal Castel Gandolfo, proprio alle porte di Roma,

si sente uno scoppio sinistro intorno al feretro del "papa":

la salma, maldestramente imbalsamata, è letteralmente esplosa squarciandosi.

In Laterano è necessario procedere con urgenza e riparare, sfidando miasmi orribili,

  il corpo devastato del "PAPA", per un trasporto il meno osceno possibile,

(Secondo il folle rito del VATICANO il "papa" deve infatti essere sempre “visibile” e

 non può essere esposto nella bara né chiusa né aperta)

entro la basilica di San Pietro.

Molti ricordano ancora titidamente le zaffate mefitiche che si riversavano al passaggio del cataletto e

 l'aspetto mostruoso del "PAPA".

 “molti presenti all’evento ricordano ancora, lungo la navata della basilica,

 le zaffate tremende che si riversavano sulla folla al passaggio del

cataletto nonché l’aspetto mostruoso del papa:

 diventato nerastro, gli cadde il setto nasale ed i muscoli facciali,

orribilmente ritratti, facevano risaltare la chiostra dei denti in una risata agghiacciante”

-  il dottor Antonio Margheriti -

Moltissime le testimonianze inorridite, fra cui quella del ministro Andreotti presente in basilica.

- Secondo giorno di esposizione del papa in San Pietro -

In piena notte, chiusa la Basilica, il corpo del "papa" viene tirato giù dal catafalco

altissimo e sdraiato sul nudo pavimento della chiesa.

Un gruppo di medici legali e imbalsamatori provvedono a fare, per quanto possibile,

una nuova imbalsamazione del corpo, penoso tentativo di limitare i danni, ormai incontenibili.

Vengono usati potenti antisettici, ovatta, iniezioni di formalina... tutto inutile,

 il corpo e il volto sono orribilmente devastati, fanno paura, il naso è caduto completamente...

  Cerimonieri arcipreti e medici legali si decidono a praticare quanto fu fatto sulla salma di Leone XII Della Genga

(tentativo miseramente FALLITO, Leone XII venne infatti SOSTITUITO CON UN FANTOCCIO).

Si dovette applicare sul volto una vistosa MASCHERA DI CERA spalmata e pesante cerone

per dissimularne l'aspetto ormai ributtante del cadavere che continuava a marcire.

La storia di PIO XII si chiudeva così, in questo osceno spettacolo dell'orrore.

- ANGELO GIUSEPPE RONCALLI -

- GIOVANNI XXIII -

(1958- 1963)

Angelo è il SECONDO "PAPA" ad essere CORONATO

dopo la firma dei TRATTATI LATERANI.

Un'altro "PAPA" totalmente devoto alla "REGINA DEI CIELI".

"Angelo Giuseppe Roncalli è venuto alla luce in una stanza molto semplice

dove si conservano ancora il

QUADRO DELLA MADONNA

 che avevano i genitori, il loro letto ed un mobile..."

- Da una biografia di Giuseppe Roncalli -

Il 28 agosto 1955 Angelo Giuseppe Roncalli

incorona la statua della "madonna"

in una cerimonia a cui partecipano 20.000 persone in Piazza Duomo.

Il 4 ottobre 1962, ad una settimana dall'inizio del concilio, si recò in pellegrinaggio a Loreto e Assisi per

"affidare le sorti dell'imminente Concilio" alla "REGINA DEI CIELI".

La MASSONERIA esulta ancora una volta.

"Giovanni XXIII è stato INIZIATO alla MASSONERIA quando era nunzio a Parigi.

Del resto, nei suoi messaggi ho colto molti aspetti che sono proprio MASSONICI".

- Il gran "maestro" della massoneria italiana Virgilio Gaito - L'Italia Settimanale -

"Papa Giovanni XXIII, del resto, è stato iniziato a Parigi ed

ha partecipato ai lavori delle Officine ad Istanbul.

Quando poi ho ascoltato le gerarchie ecclesiastiche parlare nelle omelie dell'

uomo come centro dell'Universo mi sono commosso fino alle lacrime"

- Il gran "maestro" della massoneria italiana Virgilio Gaito - 30 Giorni -

Sotto: la croce pettorale del massone Roncalli, il cosiddetto "papa buono" (!!!) (ROSACROCIANO):

Sotto: i simboli della SKULL & BONES e dell'occhio che tutto vede:

Roncalli verrà ovviamente "beatificato" da Wojtyla nel 2000.

- IL PAPA DEGLI "EXTRATERRESTRI" -

Giovanni Paolo XIII è conosciuto anche per la famosissima storia di un presunto

"incontro con gli alieni" che sarebbero scesi a Castel Gandolfo per dialogare con lui (...)

A questo incontro avrebbe assistito anche il testimone LORIS FRANCESCO CAPOVILLA.

Sotto: Loris Francesco Capovilla:

Questo racconto è ovviamente citato con entusiasmo da tutti gli appassionati

della NEW AGE e del fenomeno UFO...

Sotto: il MARCHIO solare (I.H.S.) SULLA MANO guantata di Giovanni XXIII:

- GIOVANNI BATTISTA MONTINI -

- PAOLO VI -

(1963-1978)

 Ancora un MASSONE.

Un altro faraone... (e meno male che bisognava farsi servi...):

Un particolare di una formella con PAOLO VI e il PENTALFA sulla mano ad indicare la sua

appartenenza alla massoneria:

La caratteristica BENT CROSS o croce caduta, in mano a PAOLO VI:

Paolino Rosario Esposito, professore in diverse Università Pontificie,

grande fautore dell'accordo chiesa-massoneria, riferisce che Paolo VI «seguiva e incoraggiava»

i pubblici incontri che, "in spirito di ecumenica fratellanza", (???)

ebbero luogo nel periodo 1969-1977, fra esponenti della

"chiesa" e altissimi dignitari della sètta libero-muratoria.

Di tali incontri l'Esposito parla con cognizione di causa perchè ne fu protagonista con Don Miano e

con il Vescovo Alberto Ablondi (1924-2010),

(il cui nome, guarda caso, apre la lista Pecorelli).

Da parte massonica era quasi sempre presente il gran "maestro" Giordano Gamberini († 2003),

clamorosamente coinvolto nella vicenda P2,

affiancato di volta in volta da altri esponenti del Grand'Oriente d'Italia e,

in un caso, da un rappresentante della Gran Loggia Nazionale di Francia.

- ALBINO LUCIANI -

- GIOVANNI PAOLO I -

(1912-1978)

Luciani sembra quasi "eletto per errore".

Tutto appare bizzarro da subito, la fumata appare grigia, poi nera...

Luciani si presenta ai suoi elettori con un discorso a braccio:

"Io non so niente delle cose della curia romana. Sono ignorante.

La prima roba che ho fatto appena eletto papa è stata di andarmi a

sfogliare l'Annuario Pontificio per conoscere

l'organizzazione della Santa Sede. Quindi, aiutatemi"

Solo la distrazione di un tecnico della Radio Vaticana che ha lasciato aperto i microfoni, permette di ascoltarlo.

Luciani è un uomo particolare, appare molto diverso dai "papi" che lo hanno preceduto e seguito.

Vuole riformare il Vaticano e riportare i valori del Vangelo.

E' il primo pontefice a voler parlare alla folla dopo l'elezione ma, poiché non è consuetudine, deve rinunciare.

E' il primo ad abbandonare il plurale maiestatis.

Per la prima volta nella storia un "papa" non viene più incoronato visibilmente.

Luciani rifiuta anche la tiara ed il primo pontefice a respingere la sedia gestatoria.

(In seguito gli verrà sostanzialmente imposta per esigenze di visibilità, in occasione delle udienze generali).

Rifiuta anche il trono al momento della messa di “intronizzazione”.

Luciani non riceverà neppure l'Anello del Pescatore o piscatorio che simboleggia la cosiddetta

favoleggiata "successione Petrina", 33 giorni non bastano infatti a

 prepararlo.

Luciani ebbe duri scontri con l'arcivescovo Paul Marcinkus perchè non

poteva sopportare che un vescovo dirigesse una banca.

Nel libro "ho lasciato il mio cuore a Venezia" vengono citati dei dialoghi che Luciani

ebbe con il cardinale Villot nei giardini Vaticani. 

A quindici giorni dalla sua elezione Luciani dice al Cardinal Villot:

“Mio primo dovere è di liberare la Chiesa dalla massoneria”

Luciani si fa consegnare dai prelati ogni documento sulla massoneria e

comincia a stilare una lista di massoni da epurare dal Vaticano.

LUCIANI MUORE DOPO 33 GIORNI DI PONTIFICATO.

Il collegio cardinalizio non autorizza l'autopsia.

33 è un numero particolarmente caro alla massoneria.

Solo gli stolti possono credere davvero che Luciani sia morto di "cause naturali".

Moltissime persone avanzano dubbi e sospetti ma è tutto inutile.

 Il VATICANO vieta categoricamente ogni ulteriori analisi e impedisce

 l'autopsia del cadeve, rivelando palesemente, ancora una volta, tutta la sua cattiva fede.

Gli errori, le incongruenze e le omissioni della versione ufficiale continuano ad aumentare ma

la macchina del Vaticano opera a pieni giri, Luciani deve essere dimenticato in fretta.

"la persona del papa è troppo lodata, si rischia di cadere nel

CULTO DELLA PERSONA..."

- Albino Luciani -

Parole davvero profetiche...

Il mondo si appresta infatti a ESALTARE IL GRANDE IDOLO, LA SUPERSTAR...

- KAROL WOJTYLA -

- GIOVANNI PAOLO II -

(1978-2005...)

Sotto: le scarpe e le pantofole di Karol Wojtyla:

E' arrivata la POPE-STAR, l'IDOLO del mondo intero.

WOJTYLA è celebrato da tutti, atei, cattolici, massoni...

E' il "PAPA" della MASSONERIA e il SUO SPIRITO ANTICRISTO si rivela subito.

"OGNI UOMO E' UN CRISTO"

- Karol Wojtyla -

Il grande regista dell'ecumenismo internazionale e dei mega raduni sincretici.

"Le persone stanno diventando sempre più consapevoli della necessità di un

NUOVO ORDINE MONDIALE"

- Giovanni Paolo II, Roma - omelia - 1 gennaio 2004 -

"Più che mai abbiamo bisogno di un

NUOVO ORDINE MONDIALE

che si avvalga dell'esperienza e dei risultati conseguiti in

questi anni dalle Nazioni Unite "

- Giovanni Paolo II - The Guardian - 2 Gennaio 2004 -

E' la "SUPERSTAR" giramondo e il grande idolatra della "regina dei cieli".

Affermerà di aver dato tutto sè stesso, "CORPO E ANIMA", alla "REGINA DEI CIELI".

Affiderà IL MONDO INTERO AL

"CUORE IMMACOLATO DI MARIA".

La sepoltura faraonica di WOJTYLA  sembra un RITO MASSONICO.

- vedi capitolo -

- JOSEPH RATZINGER -

- BENEDETTO XVI -

"lasciati prendere per mano dal bambino di Betlemme, non temere, fidati di lui...

la forza vivificante della sua luce ti incoraggia ad impegnarti nell'edificazione di un

NUOVO ORINE MONDIALE

fondato su giusti rapporti etici ed economici"

- Joseph Ratzinger "Benedetto XVI" - Benedizione Urbi et Orbi, Roma, 25 dicembre 2005 -

Sotto: le scarpe rosse di Joseph Ratzinger:

- JORGE MARIO BERGOGLIO -

- FRANCESCO -

Il SETTIMO "PAPA-RE" coronato dopo la firma dei TRATTATI LATERANI è il

GESUITA JORGE MARIO BERGOGLIO.

E' invece l'ottavo se consideriamo anche il firmatario

RATTI.

Molti cattolici dicono però che l'OTTAVO PAPA, il presuno "VERO PAPA" non è ancora venuto perché

 BERGOGLIO sarebbe un "anti-papa", un "usurpatore" insomma, un bluff.

Il GESUITA Bergoglio è il personaggio perfetto per traghettare il mondo intero verso il

"NUOVO ORDINE MONDIALE".

13 - 03 - 2015



- COMPIMENTO - 266 -

Bergoglio è indicato come il "266° PAPA".

266 sono i giorni di GESTAZIONE, con tutti questi PAPA non si deve certo aspettare un bel

FIGLIO.


Il numero SETTE nella Bibbia indica spesso la TOTALITA', il COMPIMENTO.

"C’è chi ritiene di poter avere un rapporto personale, diretto,

 immediato con Gesù Cristo al di fuori della comunione e

della MEDIAZIONE della Chiesa. Sono tentazioni pericolose e dannose"

 - Jorge Bergoglio -



Il numero OTTO indica la perfezione divina ma l'uomo nella sua arroganza non arriverà mai a questo,

si fermerà ad una TRIPLICE IMPERFEZIONE.

666

- L'OTTAVO RE -

Sotto: scena dal fil "angeli e demoni":

- L'OTTAVO E UNO DEI SETTE -

Sotto: Firma dei Trattati Laterani: Ratti

"QUANTO ALLA BESTIA CHE ERA E NON E' PIU' E' AD UN TEMPO

 L'OTTAVO RE

 E UNO DEI SETTE,

MA VA IN PERDIZIONE"

- Apocalisse 17:11 -


"LA BESTIA CHE HAI VISTO ERA MA NON E' PIU'

SALIRA' DALL'ABISSO MA PER ANDARE IN PERDIZIONE"

- Apocalisse 17:8 -

Sotto: Jhon Paul II Coin:

"E gli abitanti della terra,

il cui nome non è scritto nel libro della vita fin dalla fondazione del mondo,

STUPIRANNO al vedere che la BESTIA era e non è più...

MA RIAPPARIRA'"

- Apocalisse 13:8 -

Attenzione: Questo capitolo, come ogni altra parte di questa modestissima ricerca,
non intende certamente offrire "profezie", certezze assolute
o "previsioni" sul futuro ma solo proporre un modesto ed umile punto di vista personale.
Le interpretazioni umane restano fallibili ma la Parola di Dio è invece PERFETTA e si dimostrerà PERFETTA.
Come sempre, invito dunque ogni credente alla lettura della Parola di Dio e alla preghiera,
ricordando che esiste un SOLO MEDIATORE, Gesù (Yeshua) uomo -
Marco

 

RITORNA AD ALARMA HOME