- IOANNES PAVLO SECVNDVS -

- KAROL WOJTYLA -

- UNO SPIRITO ANTICRISTO -

-KAROL JOSEF WOJTYLA -

Karol Wojtyla ed Emilia Kaczorowska furono i genitori di

- Karol Jozef Wojtyla -

Yaakow Wise, studioso di genealogie ebraiche, ha fatto ricerche sull'ascendenza del lato femminile

della famiglia WOJTYLA.

Karol alloggiava in una casa il cui proprietario, Balamut, era ebreo.

Ebrea era Ginka Beer, più grande di un paio d'anni, che abitava al piano di sopra, e che, per prima, lo avvicinò al teatro.

Ebrei erano molti compagni di scuola, come Jerzy Kluger e poi

Zygmunt Selinger, Leopold Zweig; e Poldek Goldberger, che giocava a pallone da portiere, come Wojtyla.

Wise si dice convinto che Wojtyla fosse ebreo.

«come storico ebreo, ho accesso ad informazioni che sono chiuse ad altri storici»

- Wise -

Il nome Kaczorowsky apparse al Wise come un'adattamento polacco di un nome ebraico

estremamente conosciuto nel mondo yddish:

KATZ.

La nonna si chiamava MARIANNA SCHOLZ, altro nome ebraico (Schulz, Schulze).

Tutti questi nomi sono frequenti nel cimitero ebraico di BialaBielsko,

la città ove proveniva la famiglia della mamma di Karol.

Con un lignaggio materno fino alla TERZA GENERAZIONE

KAROL WOJTYLA poteva certamente essere considerato come un EBREO INTEGRALE.

"Karol Wojtyla era un ebreo integrale; se avesse chiesto la cittadinanza israeliana,

lo Stato ebraico avrebbe dovuto riconoscergliela"

- Wise -

"Il registro di nascita nella sacrestia della chiesa di "nostra Signora del Perpetuo Soccorso",

registra l'evento:`

Nato il 18 - 5 - 1920

CAROLUS JOSEPHUS WOJTYLA

cattolico, di sesso maschile, figlio legittimo.

Padre: Carolus, funzionario militare.

Madre: KACZOROWSKA Emilia, figlia di Feliks e Maria Schultz"

- His Holiness, p. 18 - Carol Bernstein - Marco Poletti -

Gli autori affermano anche che:

"La famiglia era di origine lituana, ma era nata nel 1884 in Slesia,

una provincia di lingua TEDESCA dell impero austro-ungarico, appena ad ovest della Galizia."

- Sua Santità, p.18 -

Karol Wojtyla affermò di essere "LITUANO" da parte di madre ma non esistono cognomi simili.

Kaczarowska pronuncia CAZAROSCA.

Molti ricercatori hanno immaginato che Wojtyla fosse metà POLACCO e metà CAZARO.

Secondo il sistema matriarcale KHAZARO egli non sarebbe neppure considerato POLACCO.

Sotto: KAROL WOJTYLA ad ASTANA:

Bisogna essere MOLTO prudenti quando si parla di "ebrei", allontanandoci da ogni

DOTTRINA IMPOSTA dal sistema che vorrebbe esaltare o distruggere delle singole razze.

Queste grossolane semplificazioni SERVONO UNICAMENTE al POTERE, non certo alla comprensione.

Molti ebrei sono TALMUDISTI-SIONISTI e ferocemente anticristiani ma certamente

non tutti gli ebrei sono TALMUDISTI.

Molti ebrei sionisti hanno PERSEGUITATO i loro stessi "fratelli",

moltissime persone che oggi si definiscono ebrei sono in realtà Khazari,

o come a loro piace essere conosciuti, ebrei Ashkenazi.

Utile ricordare che il potentissimo banchiere Mayer Amschel Bauer, un ebreo ashkenazita, pose un

MARCHIO ROSSO

sopra la porta d'ingresso della sua proprietà.

ROTSCHIELD - ROT: ROSSO SCHIELD: SEGNO

Questo segno è LO SCUDO ROSSO, un esagramma rosso, il simbolo che, sotto istruzioni Rothschild,

finirà sulla bandiera israeliana circa due secoli dopo.

Questo simbolo PAGANO, il SIGILLO DI SALOMONE, è da sempre usato nel SATANISMO, nello SPIRITISMO,

non ha nulla a che fare con "DAVIDE".

Questo SIGILLO era usato dai CAZARI.

Un MARCHIO che seguirà KAROL WOJTYLA tutta la vita.

- IL NOME -

- KAROL - KARL - UOMO -

Continua il nome germanico KARL, basato sulla radice

CARL: "UOMO"

I Franchi trasformarono il NOME KARL in un TITOLO ONORIFICO che

attribuirono ai maestri di palazzo alla corte dei RE MEROVINGI.

Quando nel 737 il maestro di palazzo Carlo Martello assunse i poteri,

Karl divenne un nome tradizionale della nuova dinastia e infatti venne imposto a suo nipote che fu il celebre

CARLOMAGNO, fondatore del "SACRO ROMANO IMPERO".

Con Carlomagno, incoronato IMPERATORE A ROMA

da papa Leone III, nel Natale dell'800,

il NOME si diffuse anche in Italia nella traduzione latina CAROLUS che si trasformò

poi in CARLUS e nell'italiano CARLO, in polacco KAROL.

- VARIANTE CHARLIE -


- VARIANTE CAROL -




- KAROL, EMILIA KACZOROWSKA E

LA DEVOZIONE ALLA "REGINA DEL KHAZAN" -

Il padre e la madre di Karol Wojtyla erano DEVOTISSIMI alla

"REGINA DEL KHAZAN" o "MADRE DI DIO DEL KHAZAN".

Sotto: l'ICONA della "madre di Dio del Khazan":

Ogni giorno recitavano il "SANTO ROSARIO DELLA REGINA".

"mi portavano sempre a PREGARE LA VERGINE"

- Karol Wojtyla -

Questo culto venne insegnato al giovane Karol che venne portato anche in moltissimi "santuari".

Sotto: fonte

"La VENERAZIONE ALLA MADRE DI DIO

nella sua forma tradizionale mi viene dalla famiglia e dalla parrocchia di Wadowice"

- Wojtyla -

A questa"REGINA" Karol Wojtyla si CONSACRERA' INTERAMENTE,

diventerà "IL SUO SCHIAVO" e LEI affiderà il "suo corpo e la sua anima", come disse egli stesso

- TOTUS TUUS -

Sotto: collina delle "apparizioni" di Medjugorje, si noti il MARCHIO:

Nel 1993 l'ICONA della "madre di Dio del KHAZAN"

fu donata a KAROL WOJTYLA che alla "madonna" era devotissimo.

Wojtyla custodì questa ICONA nel suo studio privato fino a quando, il 28 agosto 2004,

la donò al patriarca di Mosca Alessio II.

In occasione del suo ottantesimo compleanno, Giovanni Paolo II racconterà in suo libro autobigrafico,

Dono e Mistero”, che la TOTALE DEVOZIONE alla "MADONNA" si trova al CENTRO

della vocazione sacerdotale e di TUTTA LA SUA VITA.


- L'INFANZIA -

Il padre Karol ERA UN SARTO,

dal 1900 militò come sottufficiale nell'esercito austriaco, poi come tenente in quello polacco.

Andò in pensione prima del tempo, per motivi di salute.

La famiglia si trasferì a Cracovia.

 Quando Emilia era ancora piccola fu bersagliata da dolori e disgrazie di ogni tipo.

In pochi anni Emilia perse quattro fratelli e anche i genitori.

Per alcuni anni crebbe in un Collegio delle "suore della misericordia".

Nell'agosto del 1906 Emilia diede alla luce un maschietto che fu chiamato Edmondo.

Già da quel primo parto risultò che Emilia aveva una salute molto gracile e che

altre maternità

avrebbero potuto esserle fatali.

I medici quindi le consigliarono fortemente di

NON CERCARE ALTRI FIGLI.

Nel 1914 Emilia rimase di nuovo incinta.

La gravidanza questa volta fu estremamente difficile,

dal parto complicatissimo nacque una bambina che visse solo  poche ore.

Quella difficile maternità e la perdita della bambina segnarono molto Emilia,

fisicamente ma anche psicologicamente.

Era diventata una donna estremante sofferente,

venne trasportata a Cracovia, per essere assistita da medici specialisti.

I medici dicevano che aveva i reni compromessi e il cuore malandato, e

non avrebbe dovuto neppure lontanamente pensare ad altre maternità.

Alla fine del 1919 Emilia si accorse di aspettare un

NUOVO BAMBINO.

Aveva già 35 anni e mezzo e la nuova gravidanza si annunciò subito

 TRAUMATICA.

I medici dissero che era estremamente pericoloso per lei e per il nascituro:

doveva interrompe la gravidanza assolutamente.

I nove mesi di gestazione furono pieni di complicazioni per la salute cagionevole di Emilia.

- 18 MAGGIO 1920 -

Il parto, avvenuto il 18 maggio 1920, fu estremamente difficile.

Il bambino venne chiamato KAROL, come il padre.

Da quel momento l'esistenza di Emilia diventò un totale inferno.

I disturbi al cuore e ai reni peggiorarono rapidamente ed enormemente,

i gonfiori alle gambe le impedivano di restare in piedi.

Nell'inverno del 1928 le condizioni di salute di Emilia si aggravarono ancora.

Karol, che aveva compiuto nove anni, cominciò a capire e ad avere il terrore di perdere la mamma.

La mattina del

13

- 13 APRILE 1929 -

13 aprile 1929, Karol, dopo aver fatto colazione, era uscito presto come il solito, per andare a scuola.

Sotto: Karol Wojtyla accanto alle IMMAGINETTE che tanto amava:

Verso mezzogiorno arrivò nella sua classe il preside e disse all´insegnante che doveva parlare con il piccolo Wojtyla.

Fuori dell´aula, Karol vide una vicina di casa.

Capì che era accaduto qualcosa di grave alla sua mamma e scoppiò a piangere.

La signora Emilia, infatti, era spirata poco dopo aver mandato a scuola il bambino.

La salma esposta nella casa, i funerali, la sepoltura nel cimitero, impressionarono tremendamente il piccolo Karol.

Quel lutto segnò la sua vita per sempre.

Tutti gli amici di Karol Wojtyla sono concordi nel dire che egli rimase completamente

sconvolto dalla perdita dell'amatissima madre.

Dopo la morte della madre, la DEVOZIONE alla "MADONNA" divenne ancora più intensa, viscerale.

Sotto: Nasir al-Din Mahmud (1200 - 1222 AD) - (aquila bicefala e esagramma):

- LA SCALATA DELL'UOMO MAGNETICO -

Nel 1938 Karol Wojtyla, sempre assieme al suo papà, lasciò Wadowice e si trasferì a Cracovia per seguire i corsi universitari.

In poco tempo divenne il giovane intellettuale più ammirato. Wojtyla era definito da tutti

"UN UOMO MAGNETICO"

Cominciò a frequentare i circoli letterari e teatrali, i salotti artistici, dove si tenevano concerti.

Wojtyla, che già a Wadowice si era affermato come ATTORE e come poeta, rivelò a Cracovia ancor più il suo talento.

L'ego di Wojtyla era semplicemente monumentale, Karol bramava essere al centro della scena,

ammirato ed osannato  da tutti.

Tutti pensavano che sarebbe diventato un prestigioso esponente della letteratura polacca contemporanea.

Ma in COSA credeva REALMENTE Wojtyla?

Da DOVE derivano certi suoi misteriosi GESTI?

Da DOVE derivano alcune dottrine da lui predicate?

Da DOVE proveniva l'evidente ossessione per L'UOMO e lo SPIRITO ANTICRISTO che

manifestò in moltissime occasioni e con moltisime dichiarazioni pubbliche?

Dalla Parola di Dio o dal TALMUD?

- IL CABALISTA -

- LA SINAGOGA DI SATANA -

- MARRANI - ALUMBRADOS - ILLUMINATI -

"conosco la tua TRIBOLAZIONE e la MENZOGNA di coloro che SI DICONO GIUDEI ma

appartengono alla SINAGOGA DI SATANA"

- Apocalisse 2:9 -

Dalla Parola di Dio sappiamo che non basta "DIRSI GIUDEI",

FIGLI DI DIO SI DIVENTA NELLA FEDE IN GESU' CRISTO.

Sotto: Il TREDICI aprile 1986, nella grande Sinagoga di Roma, KAROL WOJTYLA
recitò un salmo assieme al Gran Rabbino, nemico giurato del Figlio di Dio, che predica e professa tutte le aberrazioni del Talmud babilonese:

In POLONIA nacque e operò JACOK FRANZ, un israelita autoproclamatosi MESSIA.

Sull'esempio di un altro falso MESSIA (ZEVI) anche Franz si fece battezzare mantenendo però

SEGRETAMENTE tutti i CULTI GNOSTICI legati alla CABALA.

JACOB FRANZ ERA INFATTI UN 

MARRANO.

Non c'è dubbio che Wojtyla rimase inluenzato da questa "cultura" perchè i FRANKISTI ebbero un ruolo IMMENSO

nel creare il nazionalismo polacco.

Molti influenti amici di Wojtyla erano FRANKISTI, spesso legati alla MASSONERIA.

Il GESUITA e "ILLUMINATO" WEISHUPT e il SABBATIANO JACOB FRANZ vennero ampiamente sovvenzionati

dal CABALISTA ebreo MEYER AMSCHEL ROTSCHILD,

al fine di sovvertire completamente il giudaismo tradizionale e il cristianesimo.

Non possiamo dimenticare che WOJTYLA venne "BEATIFICATO" proprio nel giorno di FONDAZIONE degli

 ILLUMINATI DI BAVIERA di WEISHUPT.

"OGNI UOMO capace di trovare in se stesso la luce Interiore...

diventa uguale a Gesù, ossia UOMO-RE"

- Weishaupt -

I dirigenti occulti del CABALISMO ebraico sono stati in grado di stabilire un CONTROLLO MONOLITICO

sul PENSIERO RELIGIOSO e su tutto il SISTEMA BANCARIO MONDIALE.

E' indispensabile ricordare che celare il proprio ebraismo è un obbligo per la SETTA FRANKISTA.

Questi falsi convertiti vennero spesso chiamati "MARRANI", un'espressione spagnola dispregiativa che

indicava i cosiddetti "ALUMBRADOS" o "ILLUMINATI",

una SETTA GNOSTICA FEDELE AGLI INSEGNAMENTI DELLA KABBALAH e del TALMUD.

Sotto: il "grande RABBI Yona Metzger" e il "santo padre Wojtyla"

Moltissime dichiarazioni di Wojtyla sembrano uscite da un testo di KABBALAH o dal TALMUD.

"ogni uomo è salvo che lo sappia o no,

che l'accetti o no mediante la fede"

- Karol Wojtyla -

(cfr. Karol Wojtyla, “Segno di contraddizione”, Milano 1977- c. 11).

Wojtyla è il PRIMO "PAPA" ad entrare in una SINAGOGA.

II poeta polacco, Adam Mickiewicz (1798-1855), tanto amato dal "papa", era un FRANKISTA, amico del massone Mazzini.

Jerzy Turowicz, il potentissimo direttore di "Tygodnik Powsszechny", rivista cattolico-progressista cui Karol collaborò e

che tanto influì sulla sua formazione culturale e spirituale, era un FRANKISTA.

Nel 1998, quando il "papa" polacco chiese perdono agli ebrei nel documento "Noi ricordiamo",

Wojtyla approvò il discorso ufficiale dove si diceva che

"il popolo ebraico è crocifisso da duemila anni"

Attenzione, non "perseguitato", ma "crocifisso", come il SALVATORE GESU' CRISTO.

Non da tremila anni, ma da duemila:

OSSIA DALLA NASCITA DI GESU' CRISTO.

Dal solo fatto che Gesù sia VENUTO NEL MONDO?

Doveroso ricordare che il cristianesimo (La Buona Novella di Gesù Cristo) è TOTALMENTE INCOMPATIBILE

con il Talmùd, e la Kabbalah.

Il TALMUD è un testo PURAMENTE ANTICRISTO.

Nel TALMUD ogni OSCENA PERVERSIONE è pienamente legittimata, anche la PEDOFILIA.

Sotto: IL PEDOFILO MARCEL MACIEL e KAROL WOJTYLA:

Tutti i più grandi SCANDALI e le continue denunce di pedofilia esplodono in tutto il loro fragore proprio

sotto il pontificato di Wojtyla e sono moltissime le famiglie che cercano di avere giustizia

portando i loro casi ad avvocati e all'attenzione dei media.

Sotto: IL PEDOFILO MARCEL MACIEL e KAROL WOJTYLA:

Wojtyla sa tutto, riceve ogni documento ma in tutto il suo pontificato

NON MUOVE UN DITO,

i PEDOFILI denunciati vengono sistematicamente COPERTI, PROTETTI, spostati di curia in curia.

Per molte persone che non riescono a trovare giustizia Wojtyla diventa ufficialmente il

"SANTO PROTETTORE DEI PEDOFILI".

Sotto: IL PEDOFILO MARCEL MACIEL e KAROL WOJTYLA:

La politica di denunciare obbligatoriamente tutti i casi di pedofilia nel clero locale,

che la Chiesa irlandese voleva attuare sarebbe stata "contraria al diritto canonico".

“E' una delusione per noi, in quanto vittime di sevizie da parte dei preti,

sapere che non sono state analizzate tutte le prove che testimoniano come

GIOVANNI PAOLO II FOSSE PIENAMENTE AL CORRENTE DI TUTTI QUESTI CRIMINI"

- Joaquin Aguilar Mendez -

Nel 1997, sotto il pontificato Wojtyla, il Vaticano esortò esplicitamente i

 vescovi d'Irlanda a NON DENUNCIARE alle autorità civili i preti pedofili, nel "rispetto del diritto canonico".

È tutto scritto nero su bianco in una lettera del 31 gennaio, firmata dal nunzio apostolico Storero,

pubblicata dal New York Times e dall'Associated Press.

I "FRANKISTI-ILLUMINATI" erano GNOSTICI-ANTINOMISTI,

si consideravano completamente "liberati" da ogni legge grazie al loro "messia",

praticavano l'incesto, rifiutando OGNI LEGGE morale.

"Quando verrà il VERO MESSIA, tutti saranno schiavi degli ebrei"

- (Talmud, Erubin 43b) (Talmud, Erubin 43b) -

Nel TALMUD e nella KABBALH sono contenute TUTTE le PURE DOTTRINE del SATANISMO e

delle MASSONERIA, solo comprendendo questo è possibile comprendere la moderna NEW AGE.

La TRIPLICE CROCE utilizzata da Karol Wojtyla non è altro che

L'ALBERO SEFIROTICO DELLA KABBALAH, la MASSONICA "CROCE DI BAFOMETTO".

Talmud e Kabbalah conducono alla "GRANDE RELIGIONE" pubblicizzata da esoteristi come ALEISTER CROWLEY,

IL PURO CULTO DELL'"UOMO CHE SI FA DIO".

"non c'è una fonte di autorità esteriore - solo interiore, il DIO DENTRO,

l'individuo è lo STENDARDO DELLA VERITA', la verità come realtà oggettiva non esiste"

- magia e CABALA, insegnamenti per l'uomo nuovo -

"OGNI UOMO E' UN CRISTO"

- Karol Wojtytla -

«ci si può rendere maestri della Creazione»

"L'anima governerà l'Universo: essa comanderà , e Dio le obbedirà"

- The Kabbalah -

I CABALISTI dovevano INFILTRARSI nelle istituzioni per CAMBIARLE

dall'interno, viscidamente, senza mai dichiararsi.

"noi dobbiamo accettare 

ESTERIORMENTE LA RELIGIONE CRISTIANA PER SEMBRARE, IN PUBBLICO, CRISTIANI,

tuttavia non dovremo mai MISCHIARCI con loro"

- Jacob Franz -

"tutte le religioni hanno origine dalla KABBALAH e VI RITORNANO,

tutte le associazioni MASSONICHE devono alla KABBALAH i loro segreti e i loro simboli"

- Albert Pike -

Sotto: la TRIPLICE CROCE dell'albero sefirotico:

"Le speculazioni mistiche del TALMUD e il sistema della KABBALAH sono un'unica entità

che ha origine nel primo e si completa nella seconda"

- Universal Jewish Encyclopedia ( 1943) -

"conosco la tua tribolazione e la menzogna di coloro che SI DICONO GIUDEI ma

appartengono alla SINAGOGA DI SATANA"

- Apocalisse 2:9 -

I CABALISTI, i MASSONI di tutto il mondo, i SATANISTI attendono ormai solo il REGNO DELLA BESTIA,

L'"UOMO-DIO" DELLA KABBALAH, TUTTO E' ORMAI PRONTO.

Sotto: Lo STEMMA PAPALE di Karol Wojtyla:

"Le DIECI CORNA che hai viste e la BESTIA odieranno la PROSTITUTA

la spoglieranno e la lasceranno nuda, ne mangeranno le carni e la bruceranno con il fuoco.

Dio infatti ha messo loro in cuore di realizzare il Suo disegno e di accordarsi per affidare il

loro regno alla BESTIA, finchè si realizzino le Parole di Dio.

La DONNA che hai visto simboleggia la CITTA' GRANDE, che regna su tutti i re della terra"

- Apocalisse 17, 16 -

"Ciò che dissero i Profeti negli ultimi giorni della devastazione del Regno di Edom,

SI RIFERISCE A ROMA,

come io stesso ho già spiegato in Isaia, al verso: "Venite genti ad ascoltare"

"Poiché quando Roma sarà devastata, allora verrà la redenzione degli israeliti"

- Rabbi David Chimsci - Obadia -



RITORNA AD ALARMA HOME