- BABILONIA -

- LA GRANDE PROSTITUTA -

- LE TERRIFICANTI MENZOGNE, LE INVENZIONI, LE ERESIE DELLA

CHIESA CATTOLICA ROMANA -

- LA CHIESA -

L'istituzione cattolica-romana, con immensa arroganza, ha sempre raccontato di essere la

"SOLA VERA CHIESA".

Che cosa è LA CHIESA?

Per molto tempo si è creduto, nell'ignoranza della Parola di Dio,

che LA CHIESA fosse un'edificio ove ci si raduna a pregare Dio, la "casa di Dio" e dove "Egli è presente".

Sotto: BASILICA dedicata alla "regina dei cieli", costruita dalla MASSONERIA:

La Bibbia ci dice invece:

"Il Dio che ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene,

che è signore del cielo e della terra,

NON DIMORA IN TEMPLI COSTRUITI DALLE MANI DELL'UOMO

né dalle mani dell'uomo si lascia servire come se avesse bisogno di qualche cosa,

essendo lui che dà a tutti la vita e il respiro e ogni cosa"

LA CHIESA NON E' AFFATTO UN EDIFICIO COSTRUITO DA MANI D UOMO e certamente NON E'

un'istituzione di potere creata dagli uomini e fondata sugli uomini...

Dio è molto rigido nel dichiarare che non esiste verità al di fuori della Verità che Lui ha dichiarato nella Bibbia.

Gesù Cristo dichiara che è impossibile arrivare al Padre se non per mezzo di Lui.

"La casa di Dio ... la chiesa del Dio vivente, colonna e sostegno della verità .

La chiesa che è il Suo corpo, il compimento di Colui

che porta a compimento ogni cosa in tutti "

- (1 Timoteo 3:15 - Efesini 1:23) -

Sotto la guida dello Spirito Santo,

l'Apostolo dichiara che non esiste un altro vangelo diverso da quello che egli ha annunciato, e

che se qualcuno predica un altro vangelo, sarà maledetto da Dio.

Allora, per capire cos'è una vera chiesa, dobbiamo ascoltare attentamente quello che dichiara la Bibbia,

non quello che dichiarano gli uomini.

La parola greca che viene tradotta “chiesa” nel NT è la parola “ ekklesia ”.

Viene da due parole: “ek”, che è la preposizione per “fuori”, e “klesia” che significa “chiamata”.

Nel linguaggio comune ai tempi della Bibbia, veniva usata per “assemblea”, per esempio,

l'assemblea dei cittadini di una città che avevano il diritto di votare.

Perciò, indica un gruppo molto particolare.

Dio ha guidato gli autori della Bibbia ad usare questa parola per indicare l'assemblea

di coloro che hanno veramente ricevuto la salvezza.

Nella Bibbia, la parola CHIESA viene usata esclusivamente per indicare quel gruppo di persone che

hanno veramente ricevuto il perdono e la vita eterna per mezzo della fede in Gesù Cristo,

hanno davvero riconosciuto GESU' CRISTO come loro SALVATORE.

Come tale, non è un gruppo stabilito dagli uomini,

né possono gli uomini costituirne membri o escluderne altri a loro piacimento,

con ARROGANZA INFINITA.

Per diventare parte della chiesa, si deve ricevere la nuova nascita, mediante la fede in Cristo Gesù.

La CHIESA è dunque l'insieme dei CREDENTI, tante "pietre viventi" che compongono un edificio spirituale,

DIO conosce i suoi.

La CHIESA è stata FONDATA da Gesù Cristo e nei secoli è stata molte volte PERSEGUITATA

 proprio dal POTERE TEMPORALE e dal PAPATO,

la VERA CHIESA non sarà comunque mai davvero VINTA perchè i santi, i chiamati, sono destinati alla VITA ETERNA.

- IL FONDAMENTO - LA SOLIDA ROCCIA -

QQuesta costruzione, fatta di tante PIETRE, ha un SOLIDO FONDAMENTO:

GESU' CRISTO, LA SOLIDA ROCCIA.

Gesù Cristo è infatti IL CAPO DEL CORPO.

L'Istituzione cattolico-romana afferma invece di essere fondata su PIETRO, presunto primo "papa" di una lunga lista.

L'apostolo Simone di Giovanni non ha MAI affermato di essere il fondamento, egli era appunto "petros",

una pietra della CHIESA, la prima.

La SUA TESTIMONIANZA di fede era invece FONDATA SULLA SOLIDA ROCCIA:

"TU SEI IL CRISTO"

- LA SALVEZZA NELLA CHIESA CATTOLICA ROMANA -

"SOLO nella CHIESA CATTOLICA, la NOSTRA MADRE, troviamo salvezza"

- Karol Wojtyla -

L'Istituzione cattolica-romana ha sempre ricattato e spaventato i suoi fedeli dicendo loro che:

"FUORI DALLA CHIESA CATTOLICA NON C'E' SALVEZZA" 

Il 5 settembre 2000 il cardinale Ratzinger ha dichiarato ancora una volta apertamente che

non esiste salvezza al di fuori della "chiesa" cattolica-romana.

"non possiamo dirci credenti se ci allontaniamo dalle MADRE CHIESA"

- Jorge Bergoglio -

La chiesa romana non ammette l'idea che fuori di essa si possa essere salvati.

Scomunicati da Roma o fuori da Roma non vi è salvezza, viene detto.

Bisogna dunque obbedire al "papa", credere a tutti i dogmi "mariani",

andare a messa, adorare l'eucarestia, confessarsi dal prete... in caso contrario l'inferno è assicurato.

Dunque Roma... o morte eterna.

MA COSA DICE LA PAROLA DI DIO, LA BIBBIA, a proposito della SALVEZZA?

Qualsiasi "chiesa" che si dice tale dovrebbe, come minimo... ascoltare questa Parola.

La Bibbia afferma, parlando di Gesù:

"In nessun altro c'è salvezza;

non vi è infatti altro nome dato agli uomini sotto il cielo nel quale

è stato stabilito che

essi possano essere salvati"

- (Atti 4:12) -

Dunque "le chiese" non c'entrano nulla se non nella misura in cui esse sono tenute

a predicare la Parola di Dio, annunciando la SALVEZZA IN GESU' CRISTO:

"Andate per tutto il mondo e predicate il vangelo a ogni creatura"

- (Marco 16:15) -

e

"La fede dipende dunque dalla predicazione e la predicazione si

attua per mezzo della Parola di Cristo"

- (Romani 10:17) -

Vorrei ancora precisare che il merito individuale nella salvezza non c'entra proprio nulla;

nessuno può pensare di meritare la salvezza:

"Siete stati salvati per grazia, mediante la fede;

e ciò non viene da voi ma è dono di Dio;

né viene da opere affinché nessuno possa vantarsene"

- (Efesini 2:9) -

Le opere sono ovvia conseguenza di una vita nuova in Cristo, se così non fosse la fede sarebbe morta.

Le dispute umane, le lotte intestine tra varie "congregazioni" sono

del tutto RIDICOLE, PENOSE, esse tradiscono completamente la Parola di Dio.

Non ci si illuda che seguendo Ratzinger o il Dalai Lama si arriverà alla SALVEZZA.

Non ci si illuda di giungere a salvezza pregando una "regina dei cieli" o facendo qualche "opera buona"...

Seguire gli uomini e le loro vane dottrine potrà invece rivelarsi DEVASTANTE.

Chiunque intraprende la lettura della Bibbia con la sincera intenzione di conoscere la verità cristiana

a proposito di salvezza si accorgerà ben presto che molte chiese nel corso dei secoli hanno posto

CONTINUE CONDIZIONI

che la Parola di Dio non contempla affatto

(e che talvolta sono addirittura in totale contrasto con essa).

Queste "chiese" si sono POSTE CON ARROGANZA TRA DIO e gli uomini,

ponendosi dove SOLO GESU' CRISTO, UNICO MEDIATORE, può stare.

L'unica via di salvezza è la fede nel sacrificio salvifico di Gesù:

"Dio ci ha dato la vita eterna e questa vita è nel suo Figlio.

Chi ha il Figlio ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio non ha la vita.

Questo vi ho scritto affinché sappiate che possedete la vita eterna,

voi che credete nel nome del Figlio di Dio"

- (1a Lettera di Giovanni 5:11 e 12) -

e

"Non c'è dunque più nessuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù"

- (Romani 8:1) -

Pretendere poi che si possa leggere e interpretare la Bibbia solo per il tramite della tradizione e

  del magistero della chiesa cattolica romana significa pretendere di essere i soli a possedere non solo la verità,

ma anche lo Spirito Santo che si è reso garante di tale verità; se fosse necessario un intervento della Chiesa,

la Bibbia non tacerebbe su un punto così importante;

invece essa contempla proprio dei casi opposti come per esempio quello citato nel libro di Giosuè (1:8)

"Questo libro della legge non si allontani mai da te, ma meditalo giorno e notte"

o quello dei neodiscepoli di Berea che

"accolsero la parola con grande entusiasmo, esaminando ogni giorno

le scritture per vedere se le cose stavano davvero così"

- (Atti 17:11) -

Ecco dunque quello che Dio vuole da noi.

L'invito a leggere la Bibbia per conto proprio e ad usare LA PROPRIA TESTA è molto esplicito;

se un lettore cerca sinceramente Dio,

Egli non mancherà poi di aiutarlo a capire ciò che legge.

- IL PAPA E' IL CAPO DELLA CHIESA -

- (vedi capitolo) -

La "chiesa cattolica romana" e il PAPATO sono una cosa sola e questa istituzione di potere

vuole SOLO condurre al potere papale.

Nel cattolicesimo-romano si è ripetuto mille volte che il "papa" è il "capo della chiesa".

Secondo la Bibbia, Cristo è il Capo della Chiesa.

Non ne esistono altri.

Chi è veramente membro della Chiesa segue Cristo come Capo.

Non è possibile esserne membro e avere altri capi.

Un gruppo che non segue veramente Cristo non è una vera chiesa,

indipendentemente dal fatto che si possa autodefinire tale.

Se un gruppo predica un vangelo diverso del Vangelo vero, non è una vera chiesa.

Il PAPATO è di origine completamente pagana e la "successione petrina" è un mito,

 il titolo di "papa" venne per la prima volta dato dall’empio imperatore Foca al vescovo di Roma nell’anno 610.

Questo venne fatto come dispetto al vescovo Ciriaco di Costantinopoli che lo aveva scomunicato

per aver egli fatto assassinare il suo predecessore, l’imperatore Maurizio.

 L’allora vescovo di Roma, Gregorio I, ricusò il titolo, e fu il suo successore, Bonifazio III il primo ad avvalersi

di questo TITOLO BLASFEMO.

Gesù non lasciò nessun capo fra gli apostoli, essendo Egli sempre il capo fra gli apostoli, essendo Egli sempre

il capo immortale della Chiesa (Leggi: Luca 22:24-26; Efesini 1:22-23; Colossei 1:18; 1° Corinzi 3:11).
 
 Il bacio del piede del "papa" cominciò nell’anno 709, questa pratica era tipica degli IMPERATORI PAGANI.

- IL SEGNO DELLA CROCE -

Tra tutte le invenzioni umane praticate dalla "chiesa cattolico-romana" e contrarie al Vangelo,

le più antiche sono la preghiera per i morti e il segno della croce.

Ambedue furono inventate verso l'anno 310. Furono ufficialmente adottate intorno al 500 dopo Cristo.

Non esiste NULLA DI SIMILE nella Bibbia.

Non si trova NULLA DI SIMILE ad un "segno della croce" e non si trovano MAI delle preghiere indirizzate ai morti

(se non in un contesto legato alle abominazioni della MAGIA, dello SPIRITISMO e della DIVINAZIONE)

- LA CONFESSIONE DEI PECCATI AL PRETE -

Domanda: "Che cosa dice la Bibbia riguardo alla confessione dei peccati a un prete?"

Risposta: Il concetto di “confessione dei peccati a un sacerdote”

 non è mai insegnato nella Scrittura.

Primo, il Nuovo Testamento NON INSEGNA che debbano esserci sacerdoti nel Nuovo Patto.

Invece, esso insegna che tutti i credenti sono sacerdoti.

 1 Pietro 2:5, 9 descrive i credenti come un “sacerdozio santo” e un “sacerdozio regale”.

In Apocalisse 1:6 e 5:10 i credenti sono descritti come

 “un regno e dei sacerdoti”.

Nell'Antico Patto, i fedeli dovevano accostarsi a Dio mediante i sacerdoti. I sacerdoti facevano da mediatori fra il popolo e Dio.

I sacerdoti offrivano sacrifici a Dio in favore del popolo. Questo non è più necessario.

A motivo del sacrificio di Cristo,

ora noi possiamo accostarci al trono di Dio con piena fiducia (Ebrei 4:16).

Il velo del tempio che si squarciò in due alla morte di Gesù simboleggiava la distruzione del muro di divisione fra Dio e l'umanità.

Gesù Cristo è il nostro grande Sommo Sacerdote (Ebrei 4:14-15; 10:21) e l'unico mediatore fra noi e Dio (1 Timoteo 2:15).

Il Nuovo Testamento insegna che devono esserci anziani (1 Timoteo 3), diaconi (1 Timoteo 3), vescovi (Tito 1:6-9) e

pastori (Efesini 4:11), ma non sacerdoti.

Rispetto alla confessione dei peccati, in 1 Giovanni 1:9 è detto ai credenti di confessare i loro peccati a Dio.

Egli è fedele e giusto da perdonare i nostri peccati quando li confessiamo a Lui. Giacomo 5:16 parla di confessare i

nostri peccati “gli uni agli altri”, ma questo non equivale al confessare i peccati a un sacerdote,

così come insegna l'istituzione Cattolica Romana.

Sacerdoti o conduttori ecclesiali non sono mai menzionati nel

contesto di Giacomo 5:16. Inoltre, Giacomo 5:16 non collega il perdono

dei peccati alla confessione dei peccati “gli uni agli altri”.

“A chi perdonerete i peccati, saranno perdonati;

a chi li riterrete, saranno ritenuti"

- IL PURGATORIO -

La dottrina del "PURGATORIO", un luogo di sofferenza ove "espiare i peccati"

fu istituita da Gregorio Magno verso l’anno 593. Per moltissimi anni il PAPATO riuscì a MERCIFICARE la

"salvezza" vendendo messe e preghiere per "salvare" le "anime del purgatorio".

- DOGMI MARIANI -

- vedi CAPITOLO -

Tutti i DOGMI  papali su Maria sono INVENZIONI UMANE che non hanno NULLA di Biblico e conducono invece al

CULTO DELLA CREATURA.

- MARIA NELLA TRINITA' -

In moltissime "apparizioni" e in molte IMMAGINETTE oscene Maria è descritta come

"parte della trinità divina".

Queste rappresentazioni di un'abominevole trinità ove "Maria" è incoronata e "REGINA DEI CIELI" sono

SATANISMO, paganesimo puro, culto BABILONESE.

La BIBBIA ci dice invece di NON RAPPRESENTARE DIO in alcuna maniera, poiché Egli è Spirito.

Sotto: immaginette abominevoli:

- CULTO LUNARE- FEMMINILE - CULTO AD ASTARTE -

- vedi CAPITOLO -

- CULTO SOLARE - CULTO DI BAAL -

Il CULTO SOLARE è presente e disseminato OVUNQUE nelle blasfeme "immaginette sacre" del cattolicesimo-romano.


- LA LINGUA LATINA -

La LINGUA LATINA è sempre stata la lingua della BESTIA dell'impero Romano pagano,

 come lingua di culto fu imposta da papa Gregorio I nell’anno 600 dopo Cristo.

La Parola di Dio invece insegna che si deve pregare e predicare nella lingua conosciuta dal popolo (leggi: 1° Corinzi 14:19).

- IL ROSARIO -

- vedi CAPITOLO -

Pietro l'Eremita introduce l'uso del rosario in grani per la ripetizione delle preghiere.

DEVONO PASSARE PIU DI MILLE ANNI PRIMA CHE QUESTA

PRATICA PAGANA SI INTRODUCA NEL SISTEMA ROMANO che ha apostato la Parola di Dio.

La Bibbia afferma che Dio deplora le preghiere che non sorgono spontaneamente dal cuore,

quelle che vengono ripetute o vengono recitate nel quadro di un servizio religioso.

“Il Signore ha detto: «Poiché questo popolo si avvicina a me con la bocca e

mi onora con le labbra,

mentre il suo cuore è lontano da me e il timore che ha di me non è

altro che un comandamento imparato dagli uomini.”

- (Isaia 29:13) -

Gesù disse:

“Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani,

i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole.”

- (Matteo 6:7) -

- I SANTI -

L'istituzione cattolica-romana ha mentito per secoli a riguardo dei "SANTI".

Biblicamente parlando, i “santi” sono il corpo di Cristo, i cristiani, la chiesa.

IL VATICANO E IL PAPATO NON PUO' FARE "SANTO" NESSUNO,

non può stabilire arbitrariamente chi siano i "SANTI".

I cosiddetti "santi" del papato sono solo persone che

HANNO OBBEDITO CIECAMENTE AL PAPATO E ALLE SUE DOTTRINE.

La parola “santo” deriva dal termine greco hagios che significa “consacrato a Dio, santo, consacrato, pio".

Il concetto del termine “santo” è un gruppo di persone messo da parte per il Signore e per il Suo regno.

Esistono tre riferimenti al carattere pio dei santi:

"perché la riceviate nel Signore, in modo degno dei santi…"

(Romani 16:2);

 "per il perfezionamento dei santi in vista dell’opera del ministero e dell’edificazione del corpo di Cristo"

(Efesini 4:12)

 "come si addice ai santi, né fornicazione, né impurità, né avarizia, sia neppure nominata tra di voi"

(Efesini 5:3)

Tutti i cristiani sono considerati santi. Tutti i cristiani sono santi… e

 allo stesso tempo sono chiamati a essere santi. 1 Corinzi 1:2 (ND) lo afferma chiaramente:

 “Alla chiesa di Dio che è in Corinto ai santificati in Gesù Cristo, chiamati ad essere santi…”.

 I cristiani sono santi in virtù della loro unione con Gesù Cristo e non perchè hanno fatto "opere straordinarie".

IL PAPATO AFFERMA TUTTO IL CONTRARIO.

 I cristiani sono chiamati ad essere santi, a consentire sempre più alla loro vita quotidiana di armonizzarsi più strettamente

con la loro posizione in Cristo. Questa è la descrizione biblica e la vocazione dei santi.

Nella teologia cattolico-romana, i santi sono in cielo.

Nella Bibbia, i santi sono sulla terra.

Nell’insegnamento cattolico-romano, una persona non diventa santa finché non sia “beatificata” o “canonizzata” dal "papa"

 o da un vescovo importante.

 Nella Bibbia, tutti quelli che hanno ricevuto Gesù Cristo per fede sono santi.

 Nella pratica cattolico-romana ai "santi" si rende culto, i "santi" sono venerati, li si prega, si chiedono mediazioni e intercessioni...

Nella Bibbia, i santi sono chiamati a venerare, adorare e pregare soltanto Dio.

1563 d.C. - il concilio di Trento condanna la dottrina Biblica, secondo la

quale tutti i credenti sono sacerdoti nel nuovo patto.

La Bibbia afferma invece che tutti i veri credenti sono sacerdoti in Cristo:

“A lui che ci ama, e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, che ha fatto di noi un regno e

di sacerdoti del Dio e Padre suo, a lui sia la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen.”

- (Apocalisse 1:5-6) -

- LUOGHI E OGGETTI DI CULTO -

4° secolo - si comincia ad usare l'incenso durante il culto, e l'acqua benedetta.

- CULTO ALLE IMMAGINE-STATUE -

- PELLEGRINAGGI, RELIQUIE -

600 d.C. - inizia il “culto dei luoghi” ed il pellegrinaggio alle tombe dei martiri, ed il “culto delle reliquie”.

11° sec. d.C. - si inizia ad usare un altare per la celebrazione della messa.

Il MAESTRO disse:

Ma l'ora viene, anzi è già venuta, che i veri adoratori adoreranno

il Padre in spirito e verità; poiché il Padre cerca tali adoratori.

Dio è Spirito; e quelli che l'adorano,

bisogna che l'adorino in spirito e verità"

- (Giovanni 4:23-24) -

 L’adorazione della croce, delle immagini e delle reliquie fu adottata ufficialmente nel 788.

- L'ACQUA SANTA -

L’uso ridicolo dell'acqua chiamata "santa", cui si aggiungeva un pizzico di sale e che veniva poi "benedetta" dal prete,

venne autorizzato nell’anno 850. Ancora oggi milioni di cattolici-romani attribuiscono poteri "miracolosi" a

certe acque associate a luoghi particolari e "madonnine".

Comune acqua di rubinetto viene spacciata per "santa" e venduta a caro prezzo agli STOLTI e agli IDOLATRI.

- L'ADORAZIONE DELL'OSTIA -

- vedi CAPITOLO -

"all'OSTIA dobbiamo lo stesso culto e la stessa ADORAZIONE che dobbiamo a DIO"

- Vaticano II -

La blasfema adorazione dell’ostia fu sancita da "papa" Onorio III solo nell’anno 1.120.

"L'ADORAZIONE dell'eucarestia é il centro e il fine di tutta la vita sacramentale"

- Karol Wojtyla -

- LA PAROLA DI DIO PROIBITA -

La Bibbia FU PROIBITA AL POPOLO e

messa all’indice dei libri proibiti, dal Concilio di Tolosa nell’anno 1.229.

Il battesimo dei neonati per aspersione fu reso legale dal Concilio di Ravenna nell’anno 1311.

Il battesimo secondo il Nuovo Testamento è per immersione in acqua, da amministrarsi ai soli credenti

(Matteo 3:6, 7, 16; 28:18-20; Marco 16:16; Atti 8:36-39 ed altri passi).

- AVE MARIA -

L’Ave Maria, preghiera indirizzata a Maria, venne ordinata tale nella sua prima parte, che è tolta dalla Bibbia, da Oddo,

vescovo di Parigi nel 1196 A.D. e la sua seconda parte come «preghiera della chiesa» venne completata

 da papa Pio V nell’anno 1.568.

La Bibbia ci esorta in molti passi a pregare Iddio soltanto.

Il pregare altri è sempre considerato idolatria. Maria non disse mai di indirizzare a lei le nostre preghiere.

 Il Concilio di Trento dichiarò che la Tradizione deve essere ritenuta di eguale autorità che la Bibbia, nell’anno 1545.

Per tradizione s’intendono insegnamenti umani.

 I Farisei credevano lo stesso e Gesù li rimproverò acerbamente,

poiché con la tradizione degli uomini si annulla la Parola di Dio (Leggi: Marco 7:7-13; Colossei 2:8; Apocalisse 22:18).

- IL "SACRO CUORE" -

L'assurda "devozione del Sacro Cuore" fu adottata ufficialmente nel 1.765.

- IL PAPA E' INFALLIBILE -

Nell’anno 1870 dopo Cristo, papa Pio IX stabilì il dogma mostruoso  della "Infallibilità Papale".

Questo è il colmo della bestemmia e il segno dell’apostasia e dell’anticristo predetto da S. Paolo

(Leggi: 2° Tess. 2:2-12; Apocalisse 13:5-8-18).

Questo titolo associa chiaramente il "papa" a DIO ONNIPOTENTE.

La Bibbia dice che non v’è nessun uomo giusto sulla terra che non pecchi

(Leggi: Romani 3:4-23; 2° Tess. 2:3-4; Apocalisse 17:3-9; 13:18).

- LA SALVEZZA PER OPERE -

1563 d.C. - il concilio di Trento afferma ufficialmente che la salvezza dell'anima

si ottiene per mezzo delle "opere buone" e non per la sola fede in Cristo.

La Bibbia afferma categoricamente che la salvezza è per grazia:

“Infatti è per grazia che siete stati salvati,

mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio.

Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti.”

- (Efesini 2:8-9) -

Siamo resi giusti davanti a Dio non per delle opere buone, ma per mezzo della fede in Gesù Cristo:

“Giustificati dunque per fede , abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore,

mediante il quale abbiamo anche avuto, per la fede, l'accesso a questa grazia nella quale stiamo;

e ci gloriamo nella speranza della gloria di Dio.”

- (Romani 5:1-2) -

“Se con la bocca avrai confessato Gesù come Signore e avrai creduto con il cuore che Dio lo

 ha risuscitato dai morti, sarai salvato;

infatti con il cuore si crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa confessione per essere salvati.”

- (Romani 10:9-10) -

Certamente i cristiani sono chiamati a SANTIFICARSI, perchè nessun credente può insistere nel suo peccato.

Le opere sono la normale, logica conseguenza di una nuova vita in Cristo.

- I DIECI COMANDAMENTI: QUALI? -

"e penserà di CAMBIARE i TEMPI e LE LEGGI"

Quale ISTITUZIONE ha MAI POTUTO PENSARE di

ARRIVARE a CAMBIAREI I TEMPI e la LEGGE di Dio?

Quale POTERE UMANO apostata ha mai potuto immaginare di

CAMBIARE I SUOI COMANDAMENTI?

La MASSONERIA ci ha lasciato i devastanti COMANDAMENTI LUCIFERINI iscritti nelle tavole

della Georgia Guidestone ma NON E' il solo POTERE umano organizzato ad aver voluto

CAMBIARE I COMANDAMENTI DI DIO...

Prima di continuare la lettura è bene ricordare che la Parola di Dio DICE CHIARAMENTE

che l'uomo NON DEVE E NON E' AUTORIZZATO AD AGGIUNGERE NULLA AD ESSA (nemmeno una parola...)

che l'uomo NON DEVE E NON E' AUTORIZZATO A TOGLIERE NULLA DA ESSA (nemmeno una parola...)

Questi sono

- i dieci comandamenti -

che Dio pronunziò sul monte Sinai e che scrisse sulle due tavole di pietra che diede al suo servo Mosè.

 - I dieci comandamenti come insegnati dalla cosiddetta "chiesa cattolica romana"-

L'istituzione cattolica-romana è arrivata a mutilare e

modificare i comandamenti e ad INSEGNARE dei falsi comandamenti ai suoi fedeli,

spacciandoli come quelli ORIGINALI,

non esiste altra istituzione umana che sia arrivata a tanto.

Ecco come li troviamo scritti nel Nuovo Manuale del Catechista:

Il secondo comandamento la curia romana lo ha LETTERALMENTE FATTO SPARIRE

per non far apparire le cosiddette "statue ed immagini sacre" (ed il culto rivolto ad esse) come degli

idoli in abominio a Dio.

Questo è veramente singolare perché l' IDOLATRIA è uno dei peccati

che la Bibbia ci ricorda più spesso come ABOMINAZIONE agli occhi di Dio.

Così facendo ha trasgredito gravemente all' ordine divino:

“Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando, e non ne toglierete nulla”

- (Deut. 4:2) -

Le immagini sotto rendono subito molto chiaro DOVE abbia portato tutto questo,

I fedeli del cattolicesimo romano oggi considerano infatti normalissimo

inginocchiarsi davanti a ridicole statue di gesso o di legno rappresentanti una "regina dei cieli":

Inutile dire che questa "piccola modifica"

 portò FIUMI DI DENARO nelle tasche del PAPATO,

libero di vendere immaginette, statue, oggettini, medagliette e paccottiglia di ogni genere.

Per ciò che riguarda invece il comandamento di Dio circa il SETTIMO giorno, il giorno del riposo

la curia romana ha pensato di modificarlo in questa maniera:

"Ricordati di santificare le feste"

e questo per fare ricordare ai suoi seguaci di osservare le feste di precetto che sono,

(oltre tutte le domeniche),

il Natale, la Circoncisione,l' Epifania, l'Ascensione,

Corpus Domini; Immacolata e Assunzione di Maria Vergine, S. Giuseppe, i Santi Pietro e Paolo e Tutti i Santi"

(Giuseppe Perardi, op. cit., pag. 299.

Tutte queste "FESTE" sono il frutto delle TRADIZIONI ROMANE...

Dio non mise tra i dieci comandamenti il comandamento di osservare

le feste ridicole istituite ed INVENTATE dal cattolicesimo romano.

Per quale ragione un vero credente dovrebbe santificare un giorno in onore del SOLE,

dell' "immacolata concezione" di Maria o della presunta assunzione di Maria in cielo?

La Bibbia NON CITA MAI QUESTE COSE.

Perchè mai si dovrebbe onorare il 25 Dicembre come data di nascita di Gesù quando questa festa ha chiare

origini pagane legate al culto del SOLE e

non éèAFFATTO INDICATA nella Bibbia?

Perché la chiesa romana ORDINA queste follie?

Inutile dire che questi devastanti cambiamenti hanno aperto la porta ad ogni sorta di FALSO INSEGNAMENTO e

 hanno reso possibile ogni sorta di CULTO IDOLATRA in abominio a Dio.

- LE PREGHIERE AI SANTI E AI MORTI -

L'argomento dei cattolici che pregano i santi è uno di quelli pieni di confusione.

Secondo la posizione ufficiale dell'istituzione Cattolica Romana, i cattolici non devono pregare i santi o Maria,

ma piuttosto possono chiedere ai santi o a Maria di pregare PER loro.

La posizione ufficiale della Chiesa Cattolica Romana è che chiedere ai santi le loro preghiere non è

affatto diverso dal chiedere a qualcuno, qui sulla terra, di pregare per noi.

Tuttavia l'EVIDENZA DEI FATTI DIMOSTRA TUTTO IL CONTRARIO.

Milioni di cattolici pregano direttamente i santi e/o Maria, chiedendo loro aiuto, chiedendo grazie...

Il loro amatissimo "papa" non insegna NULLA DI DIVERSO...

"andrò subito a PREGARE LA MADONNA perchè custodisca Roma"

- Jorge Bergoglio -

In un caso o nell'altro, sia che si stia pregando un santo o Maria sia che si stia chiedendo loro di pregare,

nessuna delle due pratiche ha la benché minima base biblica.

La Bibbia non insegna MAI ai credenti in Cristo a pregare qualcun altro che non sia Dio.

I pagani hanno invece da sempre un'infinità di "dèi" e a questi rivolgono suppliche, preghiere, invocazioni...

CHIUNQUE abbia insegnato a RIVOLGERE PREGHIERE ad un "santo", una "madonna", un defunto,

una creatura umana, una statua, una fata, un "extraterrestre"...

non importa CHI SIA e quanto prestigio in terra egli abbia...

CI HA MENTITO,

Queste persone hanno insegnato cose che NON SI TROVANO NELLA PAROLA DI DIO e si sono poste in contrasto

con gli stessi insegnamenti di GESU' CRISTO, NOSTRO SIGNORE.

"voi pregate così...

PADRE NOSTRO, CHE SEI NEI CIELI..."

Sapendo questo... CHI ASCOLTEREMO?

Mai la Bibbia incoraggia i credenti a chiedere ai defunti le loro preghiere e

nemmeno menziona credenti che lo facciano.

Perché, quindi, molti cattolici pregano Maria e/o i santi oppure chiedono le loro preghiere?

I cattolici considerano Maria e i santi come "intercessori" davanti a Dio.

Essi credono che un santo, che è glorificato in cielo, abbia un maggiore "accesso diretto" a Dio di noi.

Pertanto, se un santo rivolge una preghiera a Dio, questa è più efficace di quella che potremmo rivolgere noi direttamente a Dio.

Questo concetto è palesemente antiscritturale e si fonda UNICAMENTE su tradizioni umane...

Ebrei 4:16 ci dice che noi, credenti qui sulla terra, possiamo accostarci

"...con piena fiducia al trono della grazia...".

1 Timoteo 2:5 dichiara:

"Infatti c'è un solo Dio e anche UN SOLO MEDIATORE fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo".

Non c'è nessun altro che possa mediare fra Dio e noi.

Se crediamo possano esserci ALTRI mediatori stiamo per forza di cose dicendo che la Bibbia MENTE.

Se Gesù è l'UNICO mediatore,

ciò indica che Maria e i santi non possono essere mediatori fra noi e Dio.

E' UN SEMPLICE ED INNEGABILE DATO DI FATTO.

Essi non possono mediare le nostre richieste di preghiera presso Dio.

Inoltre, la Bibbia ci dice che Gesù Cristo stesso sta intercedendo per noi davanti al Padre:

"Perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio,

dal momento che vive sempre per intercedere per loro"

- (Ebrei 7:25) -

Con Gesù stesso che intercede per noi, perché avremmo bisogno che Maria o dei santi intercedano per noi?

Che senso HA TUTTO QUESTO?

Non ci FIDIAMO FORSE DELLA PAROLA DI DIO?

Perché Egli ascolterebbe più loro che Suo Figlio?

Romani 8:26-27 descrive lo Spirito Santo che intercede per noi.

Questo è COERENTE perchè sappiamo bene che vi è UN SOLO DIO.

I cattolici sostengono che pregare Maria o i santi non è diverso dal chiedere a qualcuno qui sulla terra di pregare per noi.

L'apostolo Paolo chiede ad altri cristiani di pregare per lui in Efesini 6:19.

Molte Scritture descrivono i credenti che pregano gli uni per gli altri (2 Corinzi 1:11; Efesini 1:16; Filippesi 1:19; 2 Timoteo 1:3).

Tutto normalissimo, logico, coerente con la Parola.

La Bibbia non dà assolutamente alcuna indicazione sul fatto che Maria o i santi

debbano essere pregati o possano ascoltare le nostre preghiere.

Maria e i santi non sono onniscienti.

Come potrebbero mai ascoltare le preghiere di milioni di persone?

Ogniqualvolta la Bibbia menzioni il fatto di pregare o di parlare con i morti, è nel contesto della magia, della stregoneria,

della negromanzia e della divinazione: tutte attività che la Bibbia condanna severamente (Levitico 20:27;

Deuteronomio 18:10-13).

È assolutamente chiaro che pregare Maria o i santi è completamente diverso dal chiedere a

qualcuno qui sulla terra di pregare (DIO) per noi.

Quest'ultima cosa ha forti basi bibliche, mentre l'altra non ne ha alcuna.

Dio non esaudisce le preghiere in base a CHI sta pregando, ma se esse sono secondo la Sua volontà (1 Giovanni 5:14-15).

Non esiste assolutamente alcuna base o bisogno di pregare qualcun altro che non sia Dio

E NON HA ALCUN SENSO PER UN VERO CREDENTE!

Solo Dio può ascoltare le nostre preghiere. Solo Dio può esaudirle.

Nessuno in cielo ha maggiore accesso al trono di Dio di quanto ne possiamo avere noi attraverso la preghiera (Ebrei 4:16). 

Esiste un SOLO DIO, ESISTE UN SOLO MEDIATORE.

Con fiducia possiamo rivolgerci a Lui.

 


ritorna a BABILONIA HOME

oppure

RITORNA AD ALARMA HOME